Misura di Potenziale

Misura di potenziale elettrico  Norma UNI 10174:1993

Le strutture in cemento armato si trovano, in esercizio, ad operare in condizioni ambientali per l quali è ipotizzabile, dopo un certo tempo, il raggiungimento di condizioni favorevoli all’innesco di fenomeno i corrosione delle armature.

Valutaare precocemente l’insorgenza di corrosione, l’estensione e la localizzazione delle zone interessate, l’entità ed il tipo di attacco, ed in fine le cause che lo hanno innescato, permette un intervento preventivo. .

Tra de tecniche per mappare lo stato  di corrosione delle armature è possibile ricorrere alla misura del potenziale delle armature.

Mediante  tale metodo è possibile determinare la situazione di corrosione, cioè se le armature sono o viceversa non sono  sottoposte ad un attacco corrosivo, sia esso generalizzato o localizzato.

Tale metodo, se da un lato non fornisce alcuna informazione quantitativa né sulla velocità di corrosione ne sull’entità del danno che si è già prodotto, è particolarmente adatto per una prima definizione della situazione corrosiva  della struttura ispezionata, sulla base della quale organizzare eventuali ulteriori indagini.

Il metodo del potenziale si basa sul fatto che ad ogni condizione di corrosione (di immunità, di corrosione generalizzata o localizzata) corrisponde una variabilità del potenziale entro intervalli tipici. Questi cambiano da un materiale all’altro e così i valori che individuano una certa condizione di corrosione nel caso di un materiale non hanno lo stesso significato nel caso di un altro materiale metallico o in presenza di un rivestimento metallico.

Il pacometro  digitale Elcometer P331 di cui è dotato il laboratorio permette  "la misura del potenziale con il metodo della semicella" permette di misurare il  potenziale elettrico con apposito kit  kit semicella Cu/CuSO4 .